PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La renaissance éphémère

Ho fatto un sogno stupendo.
Ho sognato tutto ciò che volevo.
Come un cielo costellato da mille stelle,
che si scagliavano immediatamente sulla realtà.
Ho aperto gli occhi,
notando la crudeltà,
che non diventa dolcezza.
Come un incubo che incombe,
in ogni istante,
senza tregue,
ne gioie alcune.
Ho fatta della realtà un sogno,
per sfuggire agli effimeri dispiacere dei risvegli dai sogni più belli.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2011 07:59
    Un sogno di effimera rinascita... mille stelle cadute dal cielo... in petali di luce... che non diventano reale dolcezza...

    Molto bella Mikele... duri risvegli... ma chi può dire dove finisce il sogno ed inizia la realtà-... o il suo contrario...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0