accedi   |   crea nuovo account

Brindisi di plenilunio

In questa notte di luna
che mi fa morire
abbracciato a questo
manto di tenebre
mi sento trasportare
lontano
in un sentiero occulto
che oltrepassa la vita
la materia si sgretola,
mi lascia.
Annientato, distrutto,
stordito, vagando
ti cerco...

Due calici scarlatti,
pieni fino all'orlo
traboccano.
Macchia purpurea
sul biancore di una
tovaglia immacolata
segna come un marchio
questo ultimo nostro
brindisi perverso.
La luna sfoggia in cielo
il suo biancore
E perle cadono:
sui tuoi capelli corvini,
sulla tua bocca di rubino.
sul tuo collo di seta.
Io, senza fiato, senza pace
ancora.
Voglio morderti
fino a svuotarti
l'anima...

Una sottile lama
di luce
si stacca dal mattino,
si riflette sul cristallo
di due calici vuoti
e, va a trafiggere
il pallore di un corpo
gelido: gli ultimi resti di
una notte di plenilunio.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • mario durante il 29/07/2011 23:23
    Si consuma un brindisi che porta ad un pallore gelido.
    Astratta e misteriosa.
  • Anonimo il 26/07/2011 11:06
    ricerca che va oltre la vita... assaporare l'essere sino ad arrivare all'anima... connubio perfetto... sigillato da un ultimo brindisi al gelido pallore della luna... che dire serenella... brava...
  • loretta margherita citarei il 24/07/2011 17:34
    notevole gradevole bella poesia
  • Aedo il 24/07/2011 16:28
    Ricerchiamo al di là del limite conosciuto qualcosa che ci inebri o che faccia sprofondare. Poesia molto suggestiva!
    Ignazio
  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2011 07:49
    Bellissima Serenella...è un sentiero occulto... oltrepassa la vita... dove la materia si sgretola... in luce..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0