username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'alba di un giorno migliore

Si schiudono gli occhi
al sorgere di un vergine sole,
che non conosce lingue,
tentenna i primi passi.
Disperso in solitudine
intraprende la ricerca di un pianeta meritevole d'amore.
Nuova terra
a cui regalar il seme di gioia infinita.
Cicli su cicli,
s'addensano nubi
boato di tuoni, sulla terra... fulmini.
avanza danzando la pioggia,
la terra si bagna, nasce la vita,
l'aria è nuova.
La luce dei rami del sole,
rinati da malsani raggi di dolore
assolvono il passato umano,
perdonano oltraggi
inflitti da guerre
presiedute da commedianti saggi,
che al sorgere del nuovo sole
riconoscono gli sbagli
cedendo terra all'amore,
abbandonandosi alle braccia del caritatevole Signore,
il cui cenno, cancella l'inganno.
Sorge l'alba di un giorno migliore.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Emanuele Perrone il 27/08/2011 14:30
    mmm piaciuta a tratti... il tuo stile è molto bello
  • Aedo il 31/07/2011 00:14
    Adoperando uno stile rapido e incisivo, hai composto una poesia di valore: aspettiamo da tempo un'alba più radiosa, che restituisca il sorriso ai bambini e dia ai giovani la forza di realizzare la speranza. Brava, Teresa!
  • ignazio de michele il 29/07/2011 18:15
    Versi che provano con la loro validità a purificare il giorno, uno dei tanti, magari quello che potrebbe, dovrebbe, segnare l'inizio perchè no, di una nuova era. piaciuta
  • cristiano comelli il 26/07/2011 22:01
    Il giorno migliore è quello in cui si riesce a fermare in poesia ciò che esso è riuscito a regalare. Mi veniva questa piccola riflessione che accompagno ai complimenti per l'arioso verseggiare che caratterizza il suo mondo poetico.
  • Anonimo il 26/07/2011 21:25
    L'alba di un giorno migliore... la fragile speranza a cui affidiamo, tutte le notti, il nostro sonno.
    Destarsi alla luce di un sole vergine, che mai più debba illuminare l'inganno, la falsità e tutto quello che uomini, devoti al loro egoismo, non tentano più di nascondere tra le pieghe del buio... sarebbe davvero il sogno realizzato.
    SPLENDIDA!
  • Attanasio D'Agostino il 26/07/2011 21:17
    La tua lirica,
    è una speranza che avanza nei cuori,
    danzando con la pioggia
    e aspettando che : "Sorge l'alba di un giorno migliore".
    Basta solo mettere in pratica il tuo poetare:
    "abbandonandosi alle braccia del caritatevole Signore,
    il cui cenno, cancella l'inganno.
    Sorge l'alba di un giorno migliore".
    molto bella questa tua, la chiusa è favolosa mi piace tanto
    un caro saluto Tanà.
  • loretta margherita citarei il 26/07/2011 21:12
    molto apprezzata compimenti
  • Anonimo il 26/07/2011 20:36
    bella piena di speranza per giorni migliori... giorni di pace... sarebbe bello teresa...
  • Anonimo il 26/07/2011 19:51
    Una lirica idealistica che spera nel sorgere di un giorno migliore. Versi ben scritti dalla mano di una valente autrice. Terè... ma poi quando sorge sto giorno... mi chiami?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0