PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E noi, sotto il palco

Col tramonto, a filo di note
sparate
fra bicchieri pieni d'incoscienza e misture che di reale, han ben poco
Ossessioni
calate senza guardarle in faccia, che non hanno
Urlare j'accuse, con cinismo
per solitudine, dissenso, acredine, disprezzo
per questo mondo
per il suo mondo
cazzo di mondo che oggi l'incensa e
domani l'ammazza
accompagnandola alla fossa, frà ottoni senza fiato a vederla morta
forse, erano troppo grandi i mulini a vento
per Lei
forse, erano troppi i fantasmi che popolavano le sue notti
forse, voleva morire
per non vedere, sempre la stessa alba verde dollaro
che dà illusione nera, e non amore
già, amore
ti ameremo sempre, per ciò ch'eri
e saremo sempre qui, sotto il palco
ad aspettarti

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2011 16:32
    bellissima dedica per una grande mito ... sicuramente ora starà cantando su un palco meraviglioso e non sentirà più accanto a se la solitudine di un mondo... che a volte non ci appartiene... bellissima ignazio...
  • loretta margherita citarei il 28/07/2011 12:58
    quando un giovane talento muore, quando i giovani muoiono, è una grande perdita x l'umanità , bella ignazio
  • Ada Piras il 28/07/2011 10:08
    Se è una dedica ad Ami Winehouse la condivido.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0