PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

C'era una volta in Val di Susa

Valli incantevoli
agricoltura
solidarietà
chiunque si inchina alla bellezza
alla maestosità del luogo
tranne voi.

L'uomo si adatta
edifica in discreta misura
senza disturbare l'ordine
e lo fa chiunque
tranne voi.

Sempre in piedi
in difesa di forze maggiori
per garantire al paesaggio la distruzione
per favorire alle malattie la diffusione
per indire la catastrofe
voi, cari poliziotti
prendete le armi
e depositatele al suolo
dimostrateci di non essere così malvagi
dimostrate di servire i cittadini
che avete degli ideali
delle preoccupazioni
proprio come noi
mostrate che siete esseri umani anche voi.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 29/07/2011 11:03
    a volte chi indossa una uniforme perde la sua umanità... o forse essendo più cattivo... e meno giusto indossandola l'ha già persa... ha rinunciato alla Sua libertà di pensiero... e vale per tutte le categorie... dal religioso al militare... ma non si può fare di tutta l'erba un fascio fascista o comunista... specialmente se viene da Val di Susa...

    Sorto all'aurora, al buon pastor la via
    Addimandai di Francia. - Oltre quei monti
    Sono altri monti, ei disse, ed altri ancora;
    E lontano lontan Francia; mia via
    Non avvi; e mille son que' monti, e tutti
    Erti, nudi, tremendi, inabitati,
    Se non da spirti, ed uom mortal giammai
    Non li varcò. »
    (Alessandro Manzoni, Adelchi)

    è lecito deturpare la bellezza... per un cosidetto progresso... fra Torino e Lione..?... ai posteri l'ardua sentenza direbbe Manzoni... Napoleone fu un grande uomo o un pazzo criminale?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0