PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un bel gioco

Ma sì è meglio giocare
non pensare a niente
in fondo fa meno male.
Le carte son tante
le mosse giuste o sbagliate
che sian come nella vita
bisogna pur farle.
Un bel gioco vuol
pure la sua parte
che si vinca o perda
non è importante
se ciò che rischi
è la tua anima, va beh
che vuoi che sia
tanto a chi importa
il suo dolore costante.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Francesca La Torre il 09/09/2012 10:59
    Molto bella, hai affrontato un argomento profondo in modo molto poetico. Piaciuta.
  • Ada Piras il 30/07/2011 15:12
    Grazie Silvana già è proprio così. Ada
  • silvana capelli il 30/07/2011 14:13
    la vita va affrontata così come si presenta ogni giorno, con le le carte buone e meno, senza sapere il rovescio tanto come dici tu, è un bel gioco, c'è sempre il vinto e il vincitore,
    ma il dolore! quello dell'anima lo conosce il nostro Signore... ciao Ada, complimenti!!
  • Ada Piras il 30/07/2011 11:17
    Ti ringrazio Gianni, un bel commento. Ada
  • Gianni Spadavecchia il 30/07/2011 09:33
    Stupenda! Complimenti! Le carte son tante le mosse giuste o sbagliate bisogna pur farle, come nella nella vita... che si vinca o si perda non è importante.. se ciò che rischi è la tua anima... Bellissimi versi!
  • Ada Piras il 29/07/2011 23:56
    i vostri commenti mi sono preziosi, vi ringrazio tanto e vi abbraccio Ada.
  • - Giama - il 29/07/2011 23:54
    bellissima poesia Ada, veramente brava!!!
    Ciao Gia
  • angela testa il 29/07/2011 23:41
    Amica mia mi ha colpita questa poesia... a chi importa il tuo dolore... facciamoci forza da sole... complimenti...
  • Bruno Quattrone il 29/07/2011 16:11
    Bella, il gioco della vita.
  • Matteo Contrini il 29/07/2011 13:24
    La tua poesia mi fa venire in mente il senso di rischio, di azzardo e di agitazione di quando faccio leggere le mie poesie agli altri: ho paura a farlo perché metto in gioco e a nudo la mia anima, ma allo stesso tempo penso anche: "tanto a chi importail suo dolore costante".
    Complimenti
    Matteo
  • Anonimo il 29/07/2011 12:37
    Il dolore è condizione dell'animo umano, anzi dell'essere umano. Senza il dolore che dà la consapevolezza saremmo bruti. E... per seguir virtute e canoscenza... siamo disposti a giocarci tutto. Brava
  • Sergio Fravolini il 29/07/2011 09:16
    Un testo scorrevole che nella lettura piace.

    Sergio
  • Vincenzo Capitanucci il 29/07/2011 09:12
    Giocarsi le proprie carte... che sian cuori... fiori... quadri... e picche... l'asso è di bastoni... la primiera il sette bello..

    Molto bella Ada... vivere giocando... rischiando... cantando... alla fine conteremo... sper di si... lol...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0