accedi   |   crea nuovo account

Il Mio Oro

Sul tuo corpo miele
La neve scende lieve
E il sole sa di sale
Più o meno il sapor del mare
E il tempo è sempre troppo breve
Notte illumina l'errante poeta
Che con i suoi fogli vuol raggiungere
La sua meta

Metà di amore
Tu mio dolce profumo di viole
Scendi lenta e vai su e giù
Muovi e smuovi nuovi sapori
E lenti odori che sanno di noi
Io mai tanto affogai, finchè mi giunsi te
Mi condussi alla porta
Dove la nebbia non è oppio ma narghilè

A quella fermata dove restammo bagnati
Di pioggia e lacrime io e te
E amo il mio presente ora e ancora si sente
La mia farfalla svolazza e s'inchina sopra di me

Trecce di pensieri di mani scorrono vicine
Antidolorifici miei
La tua pelle si curva mi culla nei
Posti che adoro essere
Andare insieme, assieme a noi
E le tue mani si aprono e stringono
Il più dolce segreto
Nettare del peccato di paradiso
E paradisiache nuvole di sole
Sole anime pure e ingorde di amore
E di reale che siamo noi
Che poi come il grano è oro sai
Tu ne vali per me più che mai

Notte che spira, ispira me legati
Avvolta come una porta
Malati vagheggi vani
Parole di poeta estintore di amore
Estingue che fugge d'istinto
Dalla normalità della routine
D'intento di uccidere me
e muore per quell'oro che
coltiviamo col nostro sudore

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giuliano cimino il 03/09/2011 00:11
    ti ringrazio di cuore carla...
  • Anonimo il 01/09/2011 21:00
    PRODUMI SAPORI DI MIELE DORATO COME L'ORO... ANIME INGORDE S'AMORE...
    BELLISSIMA, PASSIONALE, SUBLIME BRAVO GIULIANO...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0