PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Chi mai

Chi mai
sostituirebbe il calore tiepido
del giaciglio quotidiano
con l'agonia asfissiante
di una trincea atra di sangue?
Chi mai
straccerebbe le proprie vesti umane
per spianare il fucile
su civili disarmati di sogni?
Chi mai
cucirebbe nel proprio petto
un ordigno pulsante?
Chi mai
sfregerebbe un futuro incolpevole
minandone gli orti e i cuori?
Chi mai
rivernicerebbe i rimorsi
con lo smalto di una medaglia?
Chi mai
spererebbe di vedere
un mondo fiorito e festante
dopo averne mutilato le membra
e divorato i singhiozzi?

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • karen tognini il 31/07/2011 21:44
    Molto molto bella Mario... qualcuno va... parte... a volte in nome del paese a volte in nome di Dio...
    a volte tornando a casa.. altre volte morendo sul campo...

    Originale il tuo poetare...