PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autunno da bimbo

Foglie ondulanti
cadono giù planando,
mentre raffiche di vento,
si rincorrono nel mio sentiero.
Il cortile profumato d'autunno,
mostra tutta la stanchezza,
tutta la cronaca di vita.
Seduto su uno scalino,
intravedo il volto di mia madre,
almeno lei è sempre primavera.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/03/2014 23:24
    L'uomo stanco e deluso della vita e degli uomini che la abitano ritrova se stesso in un angolo di giardino in una giornata autunnale pesante che porta via le ultime foglie dai rami come fossero i nostri pensieri. In questa desolazione che impera una immagine di una persona cara riporta in noi la serenità e ci restituisce la primavera.

3 commenti:

  • luigi deluca il 07/02/2014 15:07
    " almeno lei è sempre primavera."
    Che stupenda descrizione della Mamma
    Che dire? Mi ha letteralmente commosso!!!
  • Anonimo il 08/08/2011 16:07
    bellissimo questo tuo autunno, antonio e bella l'immagine della primavera che ti ricorda la tua mamma... complimenti
  • michela salzillo il 07/08/2011 21:43
    Che commovente descrizione! Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0