accedi   |   crea nuovo account

Il morso della tarantola

Con il suono asfissiante dei tamburi
danza una donna sventurata del Sud
nella magia di una superstizione antica

Dal veleno della tarantola
vuole liberarsi con un rito antico
inventato in un Sud prigioniero

Danza con in mano un fazzoletto
disegna nell’aria grandi figure
si dimena strisciando nella polvere

Il suo male non le dà pace
il fuoco della follia è nel suo corpo
i suoi occhi smarriti guardano il nulla

Nel nulla cerca il sollievo
invoca una guarigione che non c’è
la credenza ha vinto la sua libertà

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0