username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il corpo

Solo
il corpo
fra il dolore e il gioire
può percepire

quale essenza
gli serve
per non morire

nella sua ostinata
ingenuità

non vi è spazio di illusione

tanto meno tempo per l'inganno

al Tuo risveglio del mattino lo ritrovi sempre lì con Te

è fedele al suo padrone quanto un cane in Amore

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Sergio Fravolini il 02/08/2011 18:15
    "gli serve per non morire" mi piace.

    Sergio
  • Anonimo il 02/08/2011 17:38
    Il corpo fedele al suo padrone come un cane in amore. Idea geniale che mette in evidenza la dolce schiavitù di un corpo che desidera... mi viene in mente la dolce crocifissione in rosa di Henry Miller. Bravissimo, Vincenzo. Alla grande... momento magico, il tuo. Io aspetto l'ispirazione. Verra? ciaociao
  • Bruno Quattrone il 02/08/2011 17:21
    Bravo, mi piace.
  • Ada Piras il 02/08/2011 11:26
    Il corpo lo scrigno del sentire.
  • karen tognini il 02/08/2011 10:39
    I corpo non segue la mente... il corpo legge il tempo che passa... il corpo cambia.. si ammala...
    Dove l'anima rimane eternamente giovane il corpo ripaga con una fine senza scampo!!!

    Stupenda dolorosa reale poesia!!!... ma tu Vince... hai l'anima d'oro non ti preoccupar del poi...
    baci...
    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0