username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Centaurea cyanus

Un giorno o l’altro

rannicchiati
ce ne andremo.

Terremo nei pugni chiusi
le certezze
più care
oppure sorridendo le
lasceremo partire

non sarà certo una tragedia:
nessun Fiordaliso si vede ormai
da tempo
nel campo di grano.

Scenderanno altri dai seggiolini incerti
cadranno e si alzeranno ancora tra stupori ed angosce.

Danzeranno allegri
tra i Pavaperi rossi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Giuseppe De Paolis il 31/03/2008 09:42
    riletta + e + volte e trovata sempre magnifica
    dieci
  • Vincenzo Capitanucci il 11/02/2008 17:06
    Sublime... il fiore delle messi... occhi di cielo...è tornato il tempo dei centauri.. Chitone risorge... dal tuo meraviglioso impacco.. di fiordalisi...
    Un caro saluto
    Vincenzo
  • augusto villa il 27/05/2007 21:59
    Complimenti Alberto... poesia più che piaciuta. 10
    Ps.: ma davvero non ci sono più i fiordalisi nei campi attorno a Novate?... era un fiore che incontravo sovente quando... vedi la mia "Nuvole"... parlo proprio di quei campi... ciao e complimenti ancora!
  • Ugo Mastrogiovanni il 25/05/2007 15:43
    Versi da meditare; profumati di realtà e fantasia, comunque profondi.
  • Anonimo il 25/05/2007 13:56
    Il testo mi piace nel suo insieme, ma punto una parola che ho riscontrato raramente, almeno nei testi che ho letto fino ad ora: "rannicchiati". Mi sento più vicina a te attraverso lei, perche' l'ho usata anch'io. Mi piace rannicchiarmi in posizione fetale, mi fa sentire protetta, a casa mia. Bello il pensiero di lasciar partire le certezze e abbandonarci a qualche incertezza, che puo' risultare molto stimolante. Complimenti
  • Donatella il 23/05/2007 22:53
    Carina bell'assortimento dei due fiori.
  • A. il 22/05/2007 07:53
    bella, piaciuta molto. a rileggerci...
    A. M.
  • Duccio Monfardini il 18/05/2007 12:16
    bella. solito stile pulito e solita classe. bravo alberto. ciao, duccio.
  • Anonimo il 18/05/2007 08:44
    lasciamoci andare noi, come fece il gabbiano Jonathan e la corrente ci trascinerà nel suo materno abbraccio. Una poesia semplicemente bella.
  • Emanuele Perrone il 18/05/2007 01:13
    bella veramente quella che mi è piaciuta di piu in questo sito sinora...
  • sara rota il 17/05/2007 16:30
    Un'immagine davvero armoniosa e solare. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0