PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Accidenti!

Mosche, circondato mi destai
Cenere e polvere, ed una vecchia scopa
Giallognola di ruggine;
non ti si può tirar su
se non con un autentico deficiente
capace di ridere sulla stupidità
della vita, la vita è assurda
perché stupida, questo è il problema;
e me ne andai, trascinandomi,
verso il bicchiere nella hall, tralasciando
l'inutilità della mie parole,
perché ora che vi sto scrivendo
non sto pensando ad un bel niente
di quello che con fermezza
voglio farvi credere,
Idioti!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0