accedi   |   crea nuovo account

Ce vo' curaggio

E mo che vvuò stasera
Che vuò mo tu ra me!
Chest'anema sta' nera
E nun saccio o' pecchè

Nun riesce a truvà pace
Sta povera criatura
Esiste nu duttore
Ca po' curà sta 'nziria?

Sott'à tutta sta' cennere
Sta nu vrasier' ardente
Nun sape che vvò fa'
Stu core impertinente...

Già t'è pigliat o' suonno
Fa pure,
nun me 'mport!
Ca 'je reste scetate
Proprje pe c'ho ffà 'ppost!

Tu rice... vuò trasì
Però nun si' sicuro...
T'arrienne poprje mo'
Ca staje sfunnanno o' muro...!

E po' voglie sape'
-ra te'- che succeresse
Si trase e, arret a te
Sta' porta se chiuresse...

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/01/2015 17:29
    Mi piace questo rovente dialogo d'amore. Ho letto con attenzione tutte le parole per capirne il senso e sono contenta d'essere riuscita.
    Sei proprio brava.
  • Don Pompeo Mongiello il 12/11/2014 16:41
    Perderebbe quel colore, quell'addore, che è tuttu nu sole.

2 commenti:

  • ChiaraLuce DelGiorno il 18/11/2012 17:38
    Se scrivessi la traduzione non pensi che si perderebbe il senso? tu che dialetto hai?
  • Anonimo il 10/09/2012 13:28
    nonostante i nostri dialetti siano completamente diversi sono riuscito a leggere e capire tuytto (o quasi)... molto bella, simpatica anche nella versione napoletana, ma io ci metterei la traduzione, si sà mai ... ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0