accedi   |   crea nuovo account

Ho sentito

Ho sentito parlare
dagli uomini antichi
di un pianto di stelle,
tra le bellezze del cielo,
nelle notti d'agosto.

Oggi, che il cielo
è schiarito di notte,
naviga tra i cuori
le vanità intinte nel luccichio
dentro le città addobbate a festa.

Eterea scia di fuoco, che a sciame,
cali verso quest'atomo opaco
levato e dal mio sguardo il tuo splendore;
ora, quaggiù riflette unicamente
la luce egoistica del mio cuore.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • augusto villa il 22/09/2013 23:39
    Complimenti Tana'!...
    Piaciutissima... -----
  • mariateresa morry il 06/10/2011 01:00
    Mi hai fatto pensare alla notte di san Lorenzo... oggi si vedono poche stelle, l'inquinamento luminoso ci ha tolto il mistero della notte. Sei sempre molto efficace nel descriverti in rapporto con il Creato!
  • Anonimo il 06/08/2011 23:09
    fratello è bellissima... ... vanità intinte nel luccichio di citta a festa... eterea scia di fuoco... la luce del tuo cuore è più forte... bellissima poesia sei grande baciotti a voi amici miei
  • Vincenzo Capitanucci il 05/08/2011 16:47
    Bellissima Attanasio... fra vanità ed egoismo... abbiamo perso (anche se mai si può completamente perdere) la nostra eterea scia di fuoco...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0