PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tenerezze

distesa, sù una vecchia coperta
circondata da tanti fili d'erba
in mezzo qualche sprazzo di colore
l'odore di terra bagnata, dopo la pioggia
guardo il cielo, oramai sereno
corrono le nuvole, con le loro forme buffe
in lontananza, un arcobaleno
chissà dove inizia, dove finirà
cosa si troverà? mi son sempre chiesta
Ho sempre pensato, la serenità, la felicità
In lontananza, odo le risate di bimbi che giocano
Un sogno ricorrente, chiudo gli occhi
ed è lì, vivido e presente
Gli sorrido, gli corro incontro, lo stringo forte a me
Apro gli occhi, il sogno fugge via,
sopra di me sempre il cielo sereno,
i suoni della natura tutti intorno, son felice
ma in un angolo del mio cuore, triste,
forse un giorno, il mio sogno, sarà realtà,
ed allora, sorriderò felice, non solo nel buio dei miei pensieri.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • carlo scalseggi il 22/02/2012 12:31
    È una poesia molto bella, complimenti... Parla di un sogno bellissimo

4 commenti: