PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sguardo di Venere

Sguardo di Venere,
la tua bocca socchiusa,
affamata di passione,
ebbra d'amore,
ti cingo e ti accarezzo
e assaporo la tua pelle
languida e fremente
come una corda di violino
che sussurra sospiri d'amore
in una notte d'unione d'essenze
dove io mi perdo in te,
bianco deserto di pace e santità,
lontano dal blaterare inconsistente
della gente che senza vita
scorre sotto la finestra.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 18/12/2011 14:52
    "lontano dal blaterare inconsistente
    della gente che senza vita
    scorre sotto la finestra."
    bravo!
  • ELISA DURANTE il 11/08/2011 08:15
    Bello quest'amore passionale "lontano dal blaterare inconsistente/della gente che senza vita/scorre sotto la finestra."

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0