PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che sia Natale

Luci lente,
dondolanti,
risalgon la collina
all'imbrunire.
Più strette,
or disseminate,
poi ancor compatte,
una lunga serpe informe,
viva, di mille respiri,
s'aggroviglia e si snoda,
s'allunga,
s'affina,
più vicina alla chiesa.
Un rintocco stonato,
poi un altro,
un terzo ancora.
E la chiesa l'inghiotte,
la viva serpe
vestita di luce.
E s'alza il canto,
l'inno solenne,
la stella s'accende,
arde nel buio
intimando speranza.
E anch'io nel cuore
m'unisco al canto
osando chiedere
che sia Natale.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0