accedi   |   crea nuovo account

Riponiamo le armi

Notte crudele,
ti avvicini infame
incurante dell’ultimo respiro.
Vaneggi sopra una città
che non ne vuol sapere di dormire.
Tormenti la mia carne
con le tue unghie affilate.
Non c’è posto per la luce,
nelle tenebre d’incanto.
Passeggio silenziosa
e più non ti temo.
Ti affronto come rapita
dalla tua sfrontatezza.
Attendo un nuovo giorno
e faccio trascorrere il tempo.
Canto alla luna
una nenia antica.
Voce dispiegata come ali,
e d’un tratto, tutto comprendo.
Sorrido vincitrice.
Riponiamo le armi.
È il tempo dell’amore.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Claudio Amicucci il 14/08/2007 15:00
    Bella Nunzia, è la quiete dopo la tempesta, è l'ora in cui l'orgoglio va a farsi f.. per guardare di nuovo a quel grande sentimento che è l'amore. Ciao Claudio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0