PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

M'incammino

Macigni nel vento, i miei occhi, lungamente sbriciolano
sotto sciami feroci di sabbie taglienti,
viandanti in questo soffio spaventoso
che durerà tutta la vita del mondo.

Così m'incammino,
ridiscendo in polvere
e come frutto d'albero ch'è pronto, cade,
i miei pensieri presto morranno e torneranno salvi:
mi sveglierò ristorato all'alba di un rifugio azzurro,
un mattino coi piedi gonfi dai sentieri
ed assaporerò
mai più ricordo
del tuo respiro.

E il tuo respiro
non troverà rifugio
più nella mia bocca,
ma in altre, differenti litanie.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0