PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Si spar ropp

I stess mi riciett tann:
Quann so stang vogli ì uardann.
Quann so sulo vogli ì rirenn.
Quann so viv vogli ì scrivenn.

I stess mi riciett tann,
E mo non saccio chiù che boglio.
I stess jette e biniett.
I stess sagliett e scinniett.

Comme l'omm sap fa e disfà,
come l'omm sap fa nasce e murì,
comm l'omm è nu ciuot ca rire chiagnenn
e chiagne rirenn, sul iss o sape.
E sa pur scurdat!

E no boglia o ciel c'avessa part surdat.
Pecchè allora l'omm si scorda pur o nomm e
crer ress nu lion malat.
Ca si spara ropp è bell e m'balsamat.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 13/08/2011 18:45
    non era male, anche come nota, la traduzione. Non ci ho capito nulla!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0