username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

i vecchi mobili

dimenticarsi chi siamo e annullarsi dentro il niente
parvenze elettroniche
memorie di antichi sogni
vecchi mobili
ormai troppo vecchi
per pensare a
chi li ha abitati
e mentre guardi fuori non ti accorgi della crepa della tua casa
passeggi leggera dentro un film gia vissuto
e non sai se da quella
crepa entrerà sole o solo nebbia
ti avvolge il tuo scialle di ricordi
inquieta creatura
potessi avere i tuoi occhi
togliereile pareti
e i mobili tornerebbero alberi sui quali potresti salire
potrei spogliarti e rivestirti solo di gocce d'acqua del tuo lago...
potrei essere un giorno per te il sole che entra da una crepa...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 18/10/2009 21:51
    bella atmosfera. poesia malinconica ma bella
  • Claudio Amicucci il 09/02/2009 16:27
    Una leggera vena di malinconia che arricchisce il mistero dei ricordi con buona immaginazione. Piaciuta Ciao Claudio
  • VINCENZO ROCCIOLO il 01/12/2008 14:20
    Bella Sabrina. Ho immaginato una ballerina classica che balla in punta di piedi su di un pavimento in legno circondata da vecchi mobili e alla fioca luce del sole che filtra da una fessura. Tutt'intorno alla vecchia casa un lago e tanti, tanti alberi.
    E così sfilano i ricordi, e così il tempo perde la sua dimensione, tutto è passato, tutto è presente, tutto è futuro, in un girotondo indistinto di persone, cose, vecchi abiti e vecchi mobili.
    Ecco il potere della poesia, Sabrina: dare ali all'immaginazione; e tu ci sei riuscita benissimo. Sei molto brava!
  • Rik Forsenna il 11/11/2008 22:38
    ... si respira una bella atmosfera... particolarissima... sembra quasi di mistero & nostalgia... mi piace...
  • sara rota il 18/05/2007 14:32
    Immagine di un ricordo offuscato dalla nebbia del tempo che avanza senza remore... un anfratto dal quale solo la luce del ricordo appare in tutta la sua magnificenza...
  • Anonimo il 17/05/2007 15:39
    Mi piace... sono contenta che una mia compaesana ed amica condivida con me la passione della scrittura!!!
  • Anonimo il 17/05/2007 15:39
    Mi piace... sono contenta che una mia compaesana ed amica condivida con me la passione della scritura!!!
  • Sole Luna il 17/05/2007 08:36
    bella... fa rivivere il passato
  • sabrina pieraccioni il 17/05/2007 00:47
    grazie mille a tutti... davvero
    hai ragione luigi i mobili non si abitano... ma in questo caso i mobili sono i mobili che in casa mia piu o meno sono appartenuti ai miei nonni e quindi per me "abitati" da loro...
    grazie ancora a tutti
  • luigi deluca il 16/05/2007 21:06
    Ciao Sabrina, benvenuta, ho letto le critiche entusiaste che hai provocato, e in buona sostanza convengo, posso muoverti una piccolissima obiezione? "i mobili" non si abitano, si usano, si posseggono, ma abitarli proprio non direi si possa!
    Forse volevi dire "immobili" intesi come edifici? Con simpatia, gigi
  • Marco Percolla il 16/05/2007 19:09
    molto bella.
    chi pensa che la malinconia sia solo tristezza, deve ancora scoprire cosa e' la tristezza.
  • Sabrina Del Prete il 16/05/2007 16:32
    mi piace come hai trasformato la malinconia in speranza
  • Federico Magi il 16/05/2007 10:04
    Bello questo tuo stile che cerca il suono, senza peraltro trascurare il contenuto. I miei complimenti.
  • roberto mestrone il 16/05/2007 09:29
    Bravissima Sabrina..
    Stupendo il finale...
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0