PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Se spari dopo

Io stesso mi dissi allor :
Quando sarò stanco guarderò.
Quando sarò solo riderò .
Quando sarò vivo scriverò.

Io stesso mi dissi allor:
E adesso non so più cosa voglio.
Io stesso andai e tornai.
Io stesso salii e scesi.

Come l'uomo sa fare e disfare,
come l'uomo sa far nascere e morire,
come l'uomo è un insensato che ride piangendo
e piange ridendo, solo lui lo sa.
E se lo è anche dimenticato!

E Dio non voglia che debba partire soldato.
Perchè allora l'uomo si dimentica anche il suo nome e
crede di essere un leone malato.
Perchè se spara dopo è bello e imbalsamato.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • nadia il 30/07/2012 11:02
    Davvero, Molto bella davvero
  • g t il 16/08/2011 12:49
    Grazie per i complimenti. troppo buoni. ciao.
  • Maurizio Cortese il 14/08/2011 12:42
    Disincantato realismo, con un pizzico di cinismo; bella poesia.
  • Anonimo il 14/08/2011 10:35
    "Si spar ropp" tradotta in italiano. È una bellissima poesia. Per musicalità, significato, immagini. Ora me la sono gustata appieno. E faccio i miei complimenti. Non so se le ferree leggi di questo sito consentano la coesistenza in uno stesso post della versione in linga napoletana e italiana (non toscano che è altro), sarebbe meraviglioso confrontare assieme le due versioni, che ho fatto accoppiando le due finestre della versione di ieri e oggi. Peccato non conoscere la musicalità e la pronuncia corretta della versione in napoletano, lingua che non manovro affatto, ma le sono ugualmente grato di avermi dato la possibilità di capire questa poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0