PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ragno

C'era un ragno con otto zampe,
una si spezzò,
e rimasero sette zampe,
un'altra si staccò,
e rimasero sei zampe,
la terza si frantumò,
e rimasero cinque zampe,
la quarta si scassò,
e rimasero quattro zampe,
la quinta si sminuzzò,
e rimasero tre zampe,
la sesta si sgretolò,
e rimasero due zampe,
la settima si smozzicò,
e rimase una zampa sola,
alla fine c'era un ragno senza zampe.

 

4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • rosaria esposito il 15/08/2011 21:08
    grazie Sara.. hai capito tutto... l'importante è che ci sia il ragno... delle zampe si può fare a meno...
  • sara zucchetti il 14/08/2011 23:04
    Simpatica! ma povero ragnetto! Però mi fa pensare a una morale con una sola zampa non si fa nulla, oppure hai poco ma ti sai accontentare
  • vincent corbo il 14/08/2011 19:41
    Non ti offendere ma la trovo insulsa.
  • Auro Lezzi il 14/08/2011 19:18
    Mai visto un animaletto così sfortunato.. E che roba..!!
  • ELISA DURANTE il 14/08/2011 19:09
    Ma questa non è una filastrocca, è una tragedia mista a una jella pazzesca! Meno male che non sono un'appasionata di ragni!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0