username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per una strada d'un'alba d'autunno

Ci sono gli alberi senza le fronde
per una strada d'un'alba d'autunno.
Si svegliano a un tratto le case
per una strada d'un'alba d'autunno.
Si sveglia ognuno al mattino
per una strada d'un'alba d'autunno.
Si apre tutto un mondo
per una strada d'un'alba d'autunno.
E che canti
e che suoni
nell'aria serena
d'un'alba d'autunno.
Là, voci confuse si cercano
e si chiamano a volo:
si rincorrono,
si confondono
e scompaiono
per una strada d'un'alba d'autunno.

 

l'autore Emanuele Marcuccio ha riportato queste note sull'opera

Scritta il 7/2/2009, dopo aver ricevuto le bozze della mia raccolta "Per una strada". Pubblicata nell'agenda 2011 "Le pagine del poeta - Giovanni Pascoli" (a cui la dedico), Editrice Pagine, 2010.


1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna Rossi il 15/08/2011 15:01
    apprezzata molto. musicale, breve, suggestiva. che richiamano immagini dolci, struggenti chiuse nella nostra memoria. 1ciao
  • Emanuele Marcuccio il 15/08/2011 13:50
    Vi ringrazio tanto per l'apprezzamento, questa poesia mi è stata ispirata dall'immagine di copertina della mia raccolta di poesie "Per una strada", sbc, 2009.
    Sì Federica, è un importante passaggio la pubblicazione della propria raccolta di poesie e inaugurarlo con una poesia...
    Vi riporto il commento del critico letterario Luciano Domenighini: «Un'ottava di apertura, intessuta sulla reiterazione per quattro volte del fluente, malinconico endecasillabo del titolo (poi ripreso in chiusura), che suona limpida e di disarmante semplicità. Ma la rapida quartina di quadrisillabi e senari, descrittiva, gioiosa, di chiara ascendenza leopardiana e, la sestina mista, aerea e mobilissima, che seguono, aprono la composizione a una canora, vitale luminosità.».
    E chi lo avrebbe mai immaginato, addirittura delle forme di metrica spontanea!
    Dedico questa mia poesia al grande poeta Giovanni Pascoli che, non poco ha contribuito ad alimentare la mia ispirazione.
    E pensate che, nonostante già pubblicata in due antologie di due editori diversi, sul sito "scrivere. info" non hanno accettato questa poesia adducendo la seguente
    motivazione: "Gentile Autore, ci spiace non poter convalidare il testo da te proposto, in quanto alla lettura si presenta discorsivo e ripetitivo che lo rendono non conforme
    alle regole del sito, per quanto concerne la poesia.".
  • grazia savonelli il 15/08/2011 07:19
    si rincorrono si confondono scompaiono bellissimi versi complimenti
  • Anonimo il 15/08/2011 06:51
    Una Poesia malinconica ma forte d'una poetica coinvolgente, dove raccolgo la metafora d'un momento della vita interiore, quasi un passaggio dovuto al proprio crescere. Complimenti Poeta.
  • Emanuele Marcuccio il 15/08/2011 02:17
    Riedita nell'antologia poetica di autori vari "Frammenti ossei", Limina Mentis Editore, maggio 2011.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0