username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Malato d'assoluto

Fedele ormai alla terra,
scevro d'aneliti infiniti,
sotto un cielo di stelle
che di rado son poetate,
è portato inesorabile
dalle onde del niente
questo secolo estraneo
ad uno spirito antico,
al mio essere inguaribile
malato d'assoluto.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • teresa... il 01/09/2011 11:37
    molto molto bella Cortese. una posizione che un po tutti dovremmo prendere.
  • Anonimo il 01/09/2011 08:01
    dopo il prezioso commento di Ugo... posso dire decisamente molto bella... carla
  • Ugo Mastrogiovanni il 26/08/2011 10:52
    Il Cortese sottolinea una cruda realtà: pochi di noi, forse anche il poeta, staccano lo sguardo dalla terra "un cielo di stelle che di rado son poetate"; una considerazione che dovrebbe farci riflettere. Forse conosciamo le magnifiche facciate dei palazzi della nostra città? Decisamente "no"; il nostro sguardo non si distoglie dalle vetrine: e la strada, la terra ci attrae, ci attrae più del cielo! Le "onde del niente" sono più allettanti e il valore dello "spirito antico" muore, ma non per Maurizio. Questi suoi dieci versi ne valgono più di cento, perché riassumono in pochi spunti qualità e virtù di questo secolo totalmente "estraneo" allo spirito. Ritengo che quel "malato d'assoluto " sia stato ampiamente spiegato e appare palese e minuzioso il sentimento che il poeta voleva partecipare.
  • Anonimo il 17/08/2011 16:28
    Guarda... non mi "entusiasma" perché non motivi a dovere il tuo desiderio di assoluto, ma è scritta bene, scorrevole. Bravo.
  • Anna Rossi il 17/08/2011 14:26
    versi profondi che denotano un animo sensibile. 1ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0