PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La festa del pi greco

Le mie parole corrono
isteriche a Piazza di Spagna
e nei giardini della chiesa del Sacro Cuore
si dilatano in immagini di santi sotto ulivi e tempeste
Accellerano le immagini le mie parole ma se poi nessuno
le ascolta sarà difficile trovarne altre che corrano comunque meno
Anche se la matematica ci soccorre con le sue leggi e le sue feste del
pi greco 3, 14159265358979323846264338327950288419716939937510582097...

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2012 18:37
    molto carina questa tua complimenti

2 commenti:

  • roberto caterina il 21/08/2011 07:55
    Do qualche spiegazione: vicino piazza di spagna nella chiesa e nel convento di Trinità dei Monti esistono dei famosi affreschi anamorfici che dilatano, distorcono le immagini... Il pi greco? È un numero infinito, come lo sono le emozioni e i deliri, concordo.. Il vento, ecc. è una bella immagine che ricordo da una poesia di Einzesberger..
  • Raffaele Arena il 21/08/2011 01:13
    Sara' che Piazza di Spagna la ricordo come un teatro, iùun incanto di palcoscenico, comunque questa poesia e' delirante... e poi la matematica, dal poco che ne capisco, e' la traduzione in numeri di tutto cio' che l'uomo osserva... e l'uomo... ma quante diottrie ha? E il settimo segreto matematico e' stato scoperto? Sicuramente... c'e' un caldo africano, stanno cercando gia' il diciottesimo ma e' scappato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0