accedi   |   crea nuovo account

Navigo

Mi gocciola addosso
la latente onda di ritorno
e s'appanna l'iride,
sui colori del mare.
Bruciano gli occhi,
a volte lacrimano cristalli
raccolti con le mani a coppa,
per un domani di siccità e inerzia.
Sui fianchi sfiorano ali d'aironi
pennuti solitari e stanchi
che sugli scogli atterrano insicuri
in attesa che il vento,
dia loro una spiaggia per planare.
Odio il vocio delle sirene
mi confondono con parole gutturali
sfrontate ed effimere,
bendate come pirati sulla tolda.

E navigo sola

dove il sole ridisegna una strada
caldo rifugio in movimento,
sul liquido piedistallo di un castello.
Mi gocciola addosso
la nebbia di una sera senza Luna
ed io viandante senza meta,
mi lascio trasportare, muta.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 12/09/2011 08:56
    Molto bella e molto ben espressa, Manuela... come sempre.. anche se molto triste... e navigo sola... io viandante senza meta, mi lascio trasportare, muta...""
  • Anonimo il 27/08/2011 20:45
    bellissima manuela meravigliosa metafora... scritta in modo eccellente...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0