PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Abisso

Lunghi giorni a nuotare contro la tempesta
Sono solo a guardare questa battaglia

Non ho più voglia di lottare ancora

Sento uno strano intorpidire dentro me
Onde si chiudono sopra la mia testa

Non ho più voglia di nuotare ancora

Non sento più il mio cuore

Precipito in fondo al mare

Qua giù nell'abisso tutto e calmo tutto è nulla
Si rigenera la mente e s'assottigliano i muscoli

Non ho più voglia di sognare ancora

Preferisco una gabbia di pure paralizzanti
all'accumulare rancori che poi m'implodono

Non ho più voglia di sopportare ancora

Non sento più la vita

Resto qua: in fondo al mare

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • augusta il 26/02/2012 10:20
    resto in fondo al mare... triste... ma molto bella...
  • Bruno Briasco il 27/09/2011 17:34
    Finita l'apnea cerca di risalire e anche in fretta caro Pepe... la vita ha alti e bassi ma anche i bassi ci aiutano a crescere. Complimenti per la poesia, ben espressa...
  • Anonimo il 18/09/2011 09:50
    Ti rifaccio i complimenti per come scrivi purtroppo si scrive quando si è tristi e malinconici e la tua poesia è desiderio di fuggire e nascondersi... per fortuna o sfortuna tutto passa. Resisti e nuota. Sei grande.
  • Raffaele Arena il 07/09/2011 15:09
    Opera davvero triste, la profondita' del mare, la solitudine, il non sentire. Che periodo difficile stai vivendo, spero nella tua risalita con la macchina elettrica di 007 che velocemente torna su a veder la luce e la superficie del mare!!
  • Anonimo il 21/08/2011 04:16
    Una composizione che fa intuire un momento problematico dello status emozionale, perfino uno stress dell'autore stesso; abisso, quindi, come metafora dell'estremo, ma le risorse dell'autoconservazione, gli fanno sperare anche la ripresa di forze fisiche. Ottimo "lavoro".
  • sabrina galbo il 21/08/2011 00:04
    Se esistesse il libero arbitrio... che liberazione in fondo al mare per sempre!
  • Maria Piera Pacione il 20/08/2011 23:03
    triste malinconica per questo bella e profonda
  • Anonimo il 20/08/2011 19:01
    nel silenzio delle profondità marine... gli echi degli affanni sono lontani e non serve più lottare bellissima Pepe...
  • Anonimo il 20/08/2011 17:17
    Una poesia molto triste, però bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0