username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pescatore

Fermo in attesa
l'onda mi sbava sui piedi
un'altra più forte mi bagna,
il mare si mette a giocare,
il sole comincia a sbirciare.

Nell'aria niente si scuote
se non il sibilo del verricello,
lego alla canna l'inganno
della notte patito da quanti
in corpo sentono il peso
del proprio corpo.

Fusa all'esca la speranza
grava in alti fondali,
vile si offre alla fame
dei pesci sgargianti e felici
pronti all'abbocco ferale.

Lo strappo è un ritorno alla vita
lento piano recupero l'amo
in apnea bado che il guizzo
non geli il sorriso;
che pena una volta tirato!

Già sento il calore del sole,
è finito il momento propizio,
mi metto a contare: uno due tre
il tempo compagno a quei pesci
mi sfugge di mano.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 15/11/2015 05:36
    apprezzata... complimenti.

3 commenti:

  • teresa... il 15/09/2011 21:07
    il tuo stile è fantastico, questa tua davvero molto apprezzata. bravo e piacere di conoscerti!
  • Anonimo il 14/09/2011 16:24
    ha ragione Diana sembra una pittura molto bravo e molto bella questa tua lirica... carla
  • Diana Moretti il 21/08/2011 22:38
    Un vivo quadro della pesca e.. grandioso quell'"onda mi sbava sui piedi" .. piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0