accedi   |   crea nuovo account

Figli

Figli di niente o di nessuno
figli da soli o con qualcuno
che poco o niente hanno avuto
ma non ti chiedono un’aiuto,
figli perduti nella guerra
figli perduti senza quella
mai conosciuti e mai amati
e anche quelli emarginati
intorno al tavolo a Natale
o in fondo al letto in ospedale
ne avessi avuto almeno uno
potrei parlare con qualcuno
frutto d’amore o solo sesso
che devi prendere lo stesso,
figli finiti sulla strada
e che non ti hanno perdonata,
figli di un tenero ricordo
o che non sanno se sei morto
gli hai dato tutto senza amore
ma non ti portano rancore
quelli cresciuti troppo soli
anche vicino ai genitori
altri viziati e mai privati
che non ti sono neanche grati,
figli sinceri e sprovveduti
a volte svegli o detenuti
o ritrovati dopo anni
son sempre figli anche grandi,
figli di altri o figli tuoi
son sempre figli se li vuoi
un po’ d’amore un po’ d’affetto
o solo semplice rispetto
prima bambini e poi cresciuti
non me li sono mai goduti,
come una pianta seminata
non è sicura la riuscita
la puoi curare con amore
ma può fruttare il tuo dolore,
a volte il vanto il tuo orgoglio
a volte solo il portafoglio,
se sono causa di vergogna
puoi ritrovarti nella fogna,
più fortunati o disgraziati
di gran successo o squattrinati
volti più noti o sconosciuti
son sempre figli anche ignoti,
di ogni razza ogni colore,
figli con gioia o con dolore
hanno diritto tutti quanti,
senza esclusione di qualcuno,
a stare al mondo come gli altri
e non da figli di nessuno.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Riccardo Brumana il 04/09/2007 22:40
    figli, ognuno diverso... ognuno bisognoso d'amore... bella Maurizio
  • sara rota il 21/06/2007 13:45
    Anche qui una lunga descrzione di chi o "cosa" sono i figli in tutte le sfumature...
  • Maurizio Triolo il 22/05/2007 19:31
    Ok, Lory, ciao e grazie
  • lory giacobbe il 19/05/2007 02:26
    Ma il mio pianto e' scaturito dalla riflessione, dalla consapevolezza dalle emozioni e altre cose che qui non e' il caso di esternare. Non volevo certo minimizzare, scusa se ho dato questa impressione. Ciao
  • Maurizio Triolo il 18/05/2007 19:18
    Non volevo suscitare solo pianto ma grazie comunque Lory e ciao.
  • Maurizio Triolo il 18/05/2007 19:17
    Grazie rexia mi è piaciuto molto il tuo commento, ciao
  • lory giacobbe il 17/05/2007 16:14
    Beh! ho pianto. Sai il perche'.
  • rexia argento il 17/05/2007 10:52
    mi piace molto sentir parlare di figli, come frutto di amore o solo sesso. La lirica e la crudità, sono ossimori perfetti.
  • rexia argento il 17/05/2007 10:52
    mi piace molto sentir parlare di figli, come frutto di amore o solo sesso. La lirica e la crudità, sono ossimori perfetti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0