accedi   |   crea nuovo account

Dalla notte dei tempi

Cosi' dalla notte dei tempi
abbiamo acceso:

il fuoco
la candela
la torcia
la candela dei candelabri
la luce a olio
del lampione
la lampadina di volta
per i lampioni stradali
e autostradali.

L' insegna del negozio
della casa di citta'
della casa in campagna
della casa al mare
della casa in piu'

Del bar di citta'
quello di montagna
e quello sul mare
ah.. anche in aperta campagna!!!

Del ristorante
dell' albergo
dell' agriturismo

Le luci sull' auto
quelle dell' aereo
e della sonda spaziale
nonche' l' astronave.

E ora ci sentiamo spenti
l' aurea annegata
l' aria che si affoga
l' ossigeno che viene a mancare
e gli alberi che gridano in coro:

" Al fuoco, al fuoco!!!!!!"

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 24/08/2011 17:49
    Non ti smentisci, parti in sordina... 6 come un diesel... prime una descrizione metodica e prosaica di eventi fisici e solo da ultimo il vero volo del pensiero
  • Anonimo il 22/08/2011 22:16
    Bellissima, Raffaele! Ogni attimo mi convinco sempre più di quanto dovremmo tutti fermarci a riflette su cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo...
  • loretta margherita citarei il 22/08/2011 19:47
    originale forte messaggio... bravo
  • Bruno Briasco il 22/08/2011 12:33
    Molto bella Raffaele... piaciuta, votata e applaudita
  • Vincenzo Capitanucci il 22/08/2011 10:00
    Tutto è acceso... tranne noi... il nostro candelabro... a sette rami...è spento... e tutta la natura di un mondo sofferente... grida... Al fuoco... Al fuoco... un monito di pericolo ed un invito... a bruciare... in un fuoco di luce...

    Bellissima Raffaele... l'aura annegata in un'aria soffocante... dai colori perduti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0