PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vedute

Affondo i pungi
nelle sabbie della sera,
si scuote l'organo
nervoso della Terra
ed uno sciame d'ali
di libellule dai monti
discende in vortice
su lumi e punte di diamante:
volano incontro
al volto per distruggere
l'oscura gabbia
in cui tenevo chiusi gli occhi.

 

4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • vincent corbo il 23/08/2011 07:20
    Aprire gli occhi: forse è questo l'obiettivo per ogni uomo, maturare, crescere, conquistare. Bravo Ciro.
  • Ada Piras il 22/08/2011 21:40
    "l'oscura gabbia
    in cui tenevo chiusi gli occhi"Molto bella
  • Anonimo il 22/08/2011 20:12
    Bellissima introversione di stile ermetico, quasi una metafora esoterica.
    (p. s., infatti il riccio dov'è?
  • ciro la ferola il 22/08/2011 17:30
    grazie mattia... ma non ho capito a cosa si riferisce il tuo timido riccio...
  • Anonimo il 22/08/2011 17:24
    Timido riccio nell'anima... mi piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0