PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

attimo passato di confisione

la tristezza
ha un nome di donna
che non so ricordare...

berrei dalla luna tutto ciò
che vorrei ancora credere,
miele di cui ho fame,
segreti che si scambiano
nella mia testa,
come giochi di prestigio,
a volte la realtà
non è quel che sembra...
l'inganno è nato per primo nella piramide dei sentimenti...
ma si potrebbe vivere senza?
dolce lancio di coltelli affilati,
colpiscono le mie emozioni,
queste si sciolgono...
m'inchino
cerco di raccoglierle...
potro mai rincominciare a essere semplice?
o forse iniziare...
a. a. a. cercasi corpo da cui esce spirito
cercasi spirito per questo corpo...,
un dolce scambio di anime...
mia...
cos'è mio?...

la tristezza
ha un nome di donna,
e i ricordi di una confusione ancora troppo
bambina,
berrei dalla luna
una calda notte di stelle...
la semplicità di un momento...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • roberto volpe il 02/12/2009 18:53
    molti puntini, poche idee in realtà...
  • Rik Forsenna il 11/11/2008 22:30
    ... berrei dalla luna una calda notte di stelle la semplicità di un momento... molto bella!!!...
  • Duccio Monfardini il 18/05/2007 18:05
    molto bella... brava sabrina.. tra l'altro siamo anche vicini di casa... una 20 di km... ciao, duccio.
  • luigi deluca il 18/05/2007 14:54
    e stavolta un meritatissimo 10, visto come è più "bella?"
    Visto come costringe chi la legge, a fermarsi e a pensare? gigi
  • sara rota il 18/05/2007 14:27
    Bellissima; a volte dietro un nome si nascondono paure e debolezze che se presi in tempo però possono risanare le rotture anche piccole tra i rapoorti con gli altri: si tratti di amore, amicizia, solidarietà... qualsiasi cosa. Io trovo la tua poesia un poco triste e anche se dici che nulla è tuo (e questo può essere vero) si possono raccogliere tanti piccoli sassi e costruire una strada forte e robusta che rafforzi il rapporto.
  • sabrina pieraccioni il 17/05/2007 20:03
    grazie ancora a tutti e... come sempre luigi hai ragione...
    grazie
    provvederò
  • roberto mestrone il 17/05/2007 15:45
    Brava Sabrina..!
    Molto, molto romanica!!
    Stupendo il finale...!
    Ro
  • Anonimo il 17/05/2007 15:34
    Veramente bella... quella che preferisco... malinconica... piena di emozioni!!
  • luigi deluca il 17/05/2007 15:03
    Brava Sabrina, quì siamo quasi nel professionale! Mi piace, però (finirai per odiarmi)io avrei messo " Miele di cui ho fame" poi dopo i primi tre versi avrei lasciato uno spazio di un rigo, e dopo cos'è mio?... avrei lasciato uno spazio di un rigo prima di rimettere, anche stavolta su due righi: La tristezza/ ha un nome di donna! Prova, e vedrai che l'estetica e la composizione grafica, danno risalto alla tua già bella opera!
    Con ancor più simpatia Gigi
  • lory giacobbe il 17/05/2007 11:25
    Sei molto profonda, ma forse un po troppo delusa? Guardati intorno, c'e' anche di piu'della delusione. Chiamiamolo amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0