PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Disperazione

E fosti afferrato
ma troppo era il tuo dolore.
Ti divincolasti
con la rabbia della disperazione.
Non volesti esser preso,
decidesti in un attimo,
la tua vita aveva da finire,
non pensasti alle creature tue,
non pensasti alla loro nuova solitudine,
non pensasti alla giovane donna
che cerco' invano di trattenerti;
non pensasti alla giovane donna
e al suo dolore per non essere riuscita
a fermare un amico disperato.
Non pensasti al padre di famiglia
che con sforzo immane ti afferrò,
ma fu tutto inutile,
il tuo dolore ti prese
e come tenaglia
ti estirpò alla tua vita.
Immobile restasti sul selciato.
Gli occhi ancora in cerca di un perché,
Addio anima, addio dolore.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 15/09/2011 09:26
    molto forte... vita vissuta disperazione... dolore... complimenti carla
  • Giacomo Scimonelli il 02/09/2011 18:32
    bellissima poesia con una chiusa stupenda... bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0