accedi   |   crea nuovo account

Bollente

Fiacca si spacca la terra col caldo che si attacca alla fronte
Scorrono gocce e sudano dai pori ustionanti pensieri
Le mie tempie cercano fresca acqua di fonte per potersi riavere
Scrocchiano in coro le mie vertebre cervicali sotto la madida nuca.
L'aria è pesante e mi colma come sporte i polmoni.
Guardo il tuo profilo
un rivolo ti scende dall'attaccatura dei capelli
scorre verso i tuo zigomo e cade come una goccia
alla base del tuo collo, nella conca clavicolare.
Scorgo i tuoi seni lucidi e accaldati danzare
tutto è rovente

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • ELISA DURANTE il 26/08/2011 09:55
    Una poesia calda in tutti i sensi. Molto piaciuta!
  • Donato Delfin8 il 25/08/2011 20:34
    eh sì Dottò fa caldo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0