accedi   |   crea nuovo account

PICCOLO FIORE

Piccolo fiore
non posso fare a meno di provare vertigine
non riesco a non sentire dolore
eppure quasi non ti conosco.

Osservo la natura che anch'essa s'addolora
e ghiaccia
qualsiasi parola fra le mascelle serrate.

Ma tu non puoi non esserci più
forse ci sei ancora di più
ma la nostra umanità ci acceca, ci spegne.

Ma tu non puoi essere finita
perchè il tuo profumo si spande ancora ed inebria le anime
che disperate anelano il tuo dolce odore
protese dinanzi al baratro.

Piccolo fiore
ecco
giochi a nascondino
ma noi grandi, increduli, devastati,
non sappiamo giocare
ed esausti
aspettiamo che tu esca fuori.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • sara rota il 26/06/2007 17:30
    Vedo la fine come una rinascita, una nuova crescita, una nuova speranza... Bella e bello il paragone dell'uomo al fiore...
  • VALERIA SALLUSTIO il 18/05/2007 12:28
    La tristezza è epressa in modo dolcissimo! Belli i versi "la natura anch'essa s'addolora e ghiaccia qualsiasi parola fra le mascelle serrate"! A rileggerti
  • Anonimo il 18/05/2007 08:53
    la chiosa aiuta a comprendere il dolore con cui hai forgiato questa poesia. Da' le vertigini.
  • terry Deleo il 17/05/2007 22:25
    Dolorosa e molto toccante... da rimanere senza parole.
  • ENZO FALBO il 17/05/2007 17:29
    Di solito non spiego quello che scrivo, ma in questo caso sia doveroso:
    Il piccolo fiore di cui parlo è la figlia di un mio caro amico che è diventata un angelo circa tre anni fa.
  • rexia argento il 17/05/2007 17:28
    Bella da perdere il senso del tempo. Grazie dell'emozione.
  • laura cuppone il 17/05/2007 17:00
    bella... toccante... triste... come un canto, una nenia... bravo ma non perdere mai la speranza... ciao L
  • Anonimo il 17/05/2007 15:35
    Bella, complimenti leggerò anche le altre tue poesie. Ciao
  • roberto mestrone il 17/05/2007 15:34
    Bravo Enzo,
    delicatissimo pensiero metaforico.
    Ti rileggerò... e spero che tu legga qualche mio verso.
    Ro
  • Antonio Pani il 17/05/2007 15:21
    Uno scritto caratterizzato da consapevolezza, timore e senso dell'attesa, che si fondono in modo incisivo. Molto apprezzata, bravo. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti, a rileggersi, ciao.
  • lory giacobbe il 17/05/2007 15:14
    Mi hai fatto venire i brividi, spero solo sia un brutto sogno. Meravigliosa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0