accedi   |   crea nuovo account

Che la morte divori

Che la morte divori e che le sue tenebre finiscano per coprirci.
Sono colui che scampa al più consueto destino.

Sarò la briciola di pane che gli rimane in bocca
la carne che gli è rimasta fra i denti e non può divorare

Ma le sue tenebre sono come di una fitta boscaglia
in cui pochi riescono a muoversi,
come un' intrecciatura continua di rammarichi
come sadismo troppo fitto per essere scorto
Ma rimane una promessa speranza
verrà il prode cavaliere col suo fedele destriero
e con un colpo della sua lunga spada spezzerà
il fitto intrecciarsi di rami
fermerà la tenebre, e vitale inonderà il fascio della sua luce,
sfiorando ogni viso

e tu che da tanto tempo hai scorto qualcosa
potrai di nuovo respirare

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • ELISA DURANTE il 26/08/2011 09:36
    Speriamo che questa previsione si avveri!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0