PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La nuova poesia

Tra il bianco e la torre
la nuova poesia
è una macchia
non conosciuta
che cerca di vivere
e trovare la sua
tenacità
di edera
non banale
Si arrampica verso
il cielo
e le crepe non sono altro
che occhi diventati verdi
per la nostra felicità..
Faremo una festa alla quattordicesima notte
quando tutti uniti potremo vedere
le oche selvatiche che portano
le parole alle nuvole
sempre così altere
come le nostre anime
incatenate

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 26/08/2011 21:08
    molto originale apprezzata
  • Ada Piras il 26/08/2011 10:53
    "la tenacità di un edera non banale"Bella complimenti
  • ELISA DURANTE il 26/08/2011 09:29
    Una poesia originale, tra alti e bassi di felicità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0