accedi   |   crea nuovo account

IV Stazione

Quale madre non china lo sguardo
se l'occhio supplice del figlio
attende invano un lampo di pietà,
se impotente sconta la pena
della volontà di nostro Signore,
perché così è stato scritto
nel diario dell'umanità.

Nella scia confusa di luce
bianca è la tua pupilla o madre
come velo di sposa innocente,
celeste è lo sguardo del figlio
spinto ai confini del mare,
docile guscio che affonda
nell'acqua appena venata
dove l'onda sonda il suo male
nero come il bitume che l'assale.

È forse un sogno o un'utopia
contare i petali d'un fiore,
strappare al ladro che fugge
la nostra coscienza implume
e correre tra le braccia di Maria?

Tra madre e figlio non scorre
né la vita né la morte
ma il fluire eterno del tempo.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • carmela marrazzo il 29/03/2012 15:29
    "Tra madre e figlio non scorre
    né la vita né la morte
    ma il fluire eterno del tempo"
    semplicemente bellissima!
    ciao
  • Anonimo il 08/09/2011 13:12
    direi commevente quest'opera sentita... piena di dolore... quello di una madre impotente di fronte al dolore di un figlio... pur sapendo che tutto sarebbe dovuto avvenire... bellissima bravo carla
  • Ada Piras il 28/08/2011 10:37
    Molto, molto bella...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0