PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io sciopero

Mi volete?
Mi cercate?
Mi chiamate?
Mi avete atteso,
mi avete sospeso,
mi avete tradito,
mi avete indebolito,
però io non voglio dimenticarvi,
io non voglio abbandonarvi,
io non voglio ripudiarvi,
ora mi avete,
eccomi qui,
ci sono,
io sono
sciopero.
Io sciopero perché non chino la testa al maledetto capitale,
io sciopero perché difendo la dignità di uomo e lavoratore,
io sciopero perché otto ore di lavoro son troppe,
io sciopero perché è finito il momento delle sindacali toppe,
io sciopero perché deve svanir la divisione della non più classe operaia,
io sciopero perché la classe operaia è andata all'inferno,
io sciopero perché non discuto più il sistema subalterno,
io sciopero perché voglio urlare, gridare che questo teatro è da ribaltare,
io sciopero perché non voglio più delegare,
io sciopero perché oso ancora sognare e lottare,
io sciopero per evitar che lo sciopero vada in sciopero,
e se lo sciopero sciopererà?
Nel nome della santa vaticana istituzionale capitale e padronale unità,
allora altro non potrò fare, che chinar la testa, poiché la nostra lotta si arresta, o stracciar la tessera del sindacato non più amato e delegato, per l'individuale ed autorganizzata collettiva lotta per tal tetra teatrale ed apicale società, destinata a divenir sconvolta.
Sconvolta o dalla repressione del potere esistente,
o sconvolta dalla lotta ribelle or più che mai persistente.
http://www. youtube. com/watch? v=idbJPSdWO7Q

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Michelangelo Cervellera il 10/09/2011 01:59
    Chissà perchè ha chi ha sempre fatto sacrifici o glieli hanno imposti debbano sempre imporregliene altri. Forse perchè sono gli unici che non possono evitarlo.
    Lavoro anch'io dodici ore al giorno, ma certo non ne sono contento, Non credo sia fazioso voler vivere la vita.
    Michelangelo
  • Anonimo il 27/08/2011 23:04
    otto di lavoro sono troppe? E chi ne lavora più di dodici e non sciopera affatto? La verità è che in questo paese il tempo delle stupide fazioni deve finire, è ora del sacrificio di TUTTI per uno stato SANO.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -