accedi   |   crea nuovo account

Brocca d'acqua

La brocca d'acqua
nella bianca ceramica
al centro del tavolo
d'un pranzo quotidiano
disseta la bocca.
Riemerge l'arcaico gusto
sotto papille e saliva
nei trascorsi primordiali
dei sensi di vita quando s'è schiusa,
fontana vitale necessaria.
Ma l'acqua non è più per tutti.
S'assetano labbra
fra tele assassine
e stelle dorate
vendendola a rubinetti
dell'oro nero, rubano
il diritto primo:
dar da bere agli assetati.
Diritto è di vita, assoluto
sacrosanto per ogni uomo.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 14/09/2016 13:49
    Molto apprezzata e quindi piaciuta questa tua bella davvero.

3 commenti:

  • olga il 19/01/2015 14:23
    Molto apprezzata myriam
  • Anonimo il 08/04/2008 13:52
    Quando verserò l'acqua dalla mia brocca la condividerò con chi non può attingere da solo alla vita. nel
  • augusto villa il 15/11/2007 21:37
    ... Rubano la vita!!!... agli altri... e pure a noi!!!
    ... e non mi va...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0