PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La ballata di Thalia

Tre bare spostate
nel convento del frate
Un teschio rinsecchito
nel castello turrito
Una salma seduta
su una sedia panciuta

Il fantasma di Cecco
danza su uno stecco
in una notte di luna
Thalia sta digiuna

La paura la invade
nessun la persuade

Tre bare spostate
nel convento del frate
Un teschio rinsecchito
nel castello turrito
Una salma seduta
su una sedia panciuta

Il fantasma di Cecco
cade dallo stecco
in una notte di stelle
Thalia fa frittelle

Si riempie la pancia
poi va sulla bilancia

Tre bare spostate
nel convento del frate
Un teschio rinsecchito
nel castello turrito
Una salma seduta
su una sedia panciuta

Il fantasma di Cecco
getta via lo stecco
in una notte cheta
Thalia fa la dieta.

Mangia un insalata
poi cade ammalata

Tre bare spostate
nel convento del frate
Un teschio rinsecchito
nel castello turrito
Una salma seduta

12

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Bruno Briasco il 10/09/2011 21:04
    Sicuramente è nata come ballata. Molto bella e originale. Peccato non poterla ascoltare in musica. Un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 30/08/2011 06:14
    molto ma molto originale brava
  • Anonimo il 29/08/2011 12:50
    Non male, anche se credo che il ritornello, nonostante la variazione dell'ultimo distico, sia un po' troppo lungo rispetto al corpo narrativo della ballata. Ad ogni modo, la poesia ha il suo fascino antico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0