accedi   |   crea nuovo account

Donna, bambina

Il grazioso timore
a fronte delle flebili trame
del quotidiano
si erge a nascondiglio
di spinosi ricordi,
come l' illusione
di una verginità
perduta nelle irte notti
del principio di se stessa.

Il suo sorriso, dolce, infantile,
specchio di una felicità apparente,
come generato dal desiderio
di scoprire quel senso leggero
dell' innocenza
proprio di un' età ribelle.

Il sogno di riprendersi il tempo,
di dimenticare quello che non è stato,
si appropria del corpo,
dei suoi occhi, delle gote,
del suo sorriso che non posso far altro che amare,
povera dolce donna,
schiava di un passato subito
senza colpe.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giancarlo milone il 19/09/2011 15:28
    Grazie
  • Anonimo il 19/09/2011 15:23
    scritta molto bene, mi è piaciuta molto