PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetto gongoriano

Donna crudel che in disperato manto
accogli quel sospir che più non mente
trattieni pur l'ombra ed il vano vanto
d'una guglia troppo alta e risplendente

Il desiderio è spesso un sogno infranto
di cui il cuore s'accorge raramente
se non vive là, in quello strano incanto
che porta a sospirare lentamente.

Quando il pensiero non è conoscenza
potrem girare noi intorno all'errore
ma non capirne il segreto e l'essenza.

Colpa non è poi del suggeritore
se nella scena c'è il vuoto e l'assenza
ma sol di chi pensa d'esser migliore.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • sergio il 24/02/2012 12:32
    complimenti per la rima concatenata degna dei nostri antenati del trecento. Bene!
  • sara zucchetti il 30/08/2011 23:20
    Complimenti molto lirica! lentamente si scioglie nel cuore con le sue parole e belle le rime
  • loretta margherita citarei il 30/08/2011 21:49
    apprezzata complimenti
  • Anonimo il 30/08/2011 20:09
    Devo dire che rispetto alla media non sei male. Certo, qualche troncamento di troppo per impedire versi ipermetri. Ciao.
  • anna rita pincopallo il 30/08/2011 14:19
    piaciuta moltissimo
  • Giulia Elia il 30/08/2011 10:44
    Roberto, bellissimo questo poetar antico, questo verso poi è intrigante: "d'una guglia troppo alta e risplendente". Prova a sfidarla, magari è di burro!


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0