PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dopo na passeggiata tra er norde e er sudde

Napoli ch'è gran centro de monnezza
cià gente dar soriso ben gentile
co un umore che spesso è si sottile
ma lo vivi tranquillo e co scioltezza

Milano è più pulita e è na bellezza
che li rifiuti stanno in der cortile
e no in mezzo a la strada, è più "ciovile",
ma la gente è 'n esempio de tristezza

beh, devo dì che co sta passeggiata
nun posso mò che confermà sta cosa
che forse è 'n pregiudizio o na stronzata

ma a Roma si ce nasci è ne la cute
quer boh, quer nun sò chè, quer quarchecosa,
che te fa dì che Roma 'n se discute

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 10/02/2012 16:22
    Ho avuto la (buona) sorte di nascere a Napoli, vivere a Roma e trascorrere un po' di tempo a Milano.
    Di Napoli e Milano sentivo dire che la prima è la città ideale per passarci le vacanze (anche se ora l'immondizia crea qualche problema) e che Milano è ideale per lavorarci. L'unore delle persone ne viene di conseguenza.
    E Roma? Ha ragione Nicola: é un punto di equilibrio, e 'n se discute.
    E, ancora una volta, complimenti a Giulio per la caomposzione.
    Giuseppe
  • Anonimo il 10/09/2011 23:11
    Opera che onora la nostra attenzione, come tutte le altre che ho letto.
  • Nicola Saracino il 09/09/2011 19:54
    Beh sì caro Giulio. E se andiamo ancora più a nord, per esempio a Stoccolma, dove sono civilissimi e ti sbattono in galera per uno schiaffo al figliolo, lì sono tristissimi e muoiono suicidi uno sì e l'altro forse pure... forse uno schiaffo preso da ragazzi gli avrebbe un po' risvegliato il gusto di vivere... e invece ancora più a sud, per esempio a Fez in Marocco, dove non si prendono solo a schiaffi ma anche a calci nel culo, l'immondizia e il fumiere degli asini t' entra in bocca e nel naso, la gente dorme sul ciglio dell'autostrada e festeggia il non poter bere con 40 gradi all'ombra, se c'è il ramadàn... Poi di' che non è vero che Roma è il punto d'equilibrio del mondo, senza eccessi, senza esagggerazioni, senza tristezze e senza illusioni e con solo quer quarchecosa di caput mundi che fa sì che dentro l'Urbe si discuta solo del resto del mondo... così, come un cervello che ragiona del corpo... Ottima Giulio! N
  • Solo Commenti il 09/09/2011 10:55
    Strutturalmente pregevole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0