PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sembra una fiaba ma non lo è

Della divina bontà
che il celeste Padre
verso le sue creature
dispensa

certezza ebbi
in un giorno di fine novembre
quando
la vita mi diventò matrigna

appesantendo il suo fardello
nell'aggiunger altri macigni
alla mia gerla.


Un susseguirsi di disgrazie
di malattie, perdite
di persone a me care
minò seriamente il fisico
e la mente..
Toccando l'apice della disperazione
caddi in profonda depressione.

Non vidi allor via d'uscita
concreta soluzione...
troppo l'anima era svilita
troppo il dolore a soffocar
la gioia della vita.

Ma un giorno, mentre in macchina
verso il colle andavo,
fermandomi presso
un isolato luogo

diedi sfogo al pianto
lanciando
verso il cielo urla di dolore
chiedendo a Dio spiegazione
per il suo abbandono.

Da lui non ebbi risposta
ma quando, mesta
verso l'auto m'avviai
vidi con enorme sorpresa
una farfalla gialla
svolazzarmi intorno.

Colsi in quel volo
un celeste segno...
difficile veder una farfalla

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 19/05/2012 10:11
    La fede smuove le montagne ed in questi versi colgo la fede risvegliata, nel cuore torna ad albergare la speranza ed il dolore fa posto al conforto in Colui che tutto vede e tutto può. Una bella lirica che sa di poema, scritta magistralmente, con versi scorrevoli e musicali. Apprezzata!

13 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 05/10/2016 15:11
    Sempre brava.. complimenti.

    ggc
  • niche chessa il 02/09/2011 10:22
    Questi meravigliosi messaggi arriivano proprio nei momenti più difficili e sono come tergicristalli che spazzano via la confusione del guardare solo attraverso le nostre lacrime. Tu ne hai descritto uno colto con la devozione che ti innalza.
  • Antonietta Mennitti il 02/09/2011 08:37
    Sublime e ben scritta Lory... La fede sarà sempre la nostra forza interiore, senza, saremmo perse per sempre...
  • Andrea (le tre Botti) il 01/09/2011 22:44
    Ne hai fatto una preghiera meravigliosa! Brava!
  • Fabio Mancini il 01/09/2011 22:08
    Mi hai commosso! È bellissima! Ciao, Lory. Fabio.
  • Anonimo il 01/09/2011 21:10
    La fede ci da la forza di superare ostacoli apparentemente insuperabili. Molto bella... Grazie Lory!
  • Marianna Sabia il 01/09/2011 18:51
    In questi tempi è bello scoprire come ancora esiste l'amore verso Dio e la certezza che Egli è sempre con noi. Gran bella poesia, fatta di dolore, disperazione ma anche di fede e speranza.
  • Anonimo il 01/09/2011 18:05
    La fede in Dio ci dà conforto, ci dà speranza.
    Molto bella la tua poesia Lor
  • roberto caterina il 01/09/2011 17:57
    E'una bella esperienza di autoterapia quella che descrivi e penso che oltre la fede in Dio ci sia anche una speranza nell'uomo, nella natura e nelle cose belle che ci circondano.
  • Anonimo il 01/09/2011 17:46
    Una bella poesia ch'è un richiamo alla fede e alla speranza. Brava, amica farfallona gialla!
  • Ada Piras il 01/09/2011 17:30
    E'bellissima c'è molta sofferenza e speranza... Bravissima... complimenti.
  • karen tognini il 01/09/2011 17:17
    La fede è una grande consolazione.. sei fortunata Lor...
    brava...
    una poesia molto molto bella...
  • Maurizio Cortese il 01/09/2011 16:58
    D'accordo nell'affermare che la presenzxa di Dio non è una fiaba.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0