accedi   |   crea nuovo account

Vento nuovo. Vento antico

soffia un vento nuovo
e pure antico dalle terre
lontane di Calabria

scendono da le montagne
antichi uomini d'onore
alti alti neri neri
denti bianchi
cu parole chiuse
intra nu mantu
scuro de silenzio
e nà carabina caricata
di rabbia sulle spalle

pure i lupi
della Sila e dell'Aspromonte
nella valle calano
e si fanno branco

pè aiutare a soffiare
tornano le streghe
appicciano li fuochi
e le pampuglie de li sogni
ca infiammano le lunghe notti dell'attesa

fimmine ca tenanu passione solamente
sannu cantà e ballà
scintillìano e pappiciano
parano stelle che de gioia fannu impazzì
puru li santi e l'angeli de lu paradisu

soffia il vento e soffia forte
che il disonore è diventato troppo grande

il popolo è stanco di morire
senza più niente da fare
buttato alla tv col cellulare

per un poco di lavoro lontano assai
deve partire a lavorare
il popolo calabrese è onesto
anche se ari leghisti del nord accussì non pare
u malandrino eru scanzafatica
soltanto dicianu ca iddru sa fare


soffia un vento nuovo
e pure antico dalle terre lontane di Calabria
è il vento impetuoso del riscatto
l'orecchio pronto già lo sente

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • mauri huis il 29/01/2012 17:56
    Non ho capito proprio tutto, ma ho capito hai ragione. Piaciuta
  • Raffaele Arena il 07/09/2011 15:04
    Profondamente intreospettiva, emozionante nella tua descrizione. Il dialetto l'arricchisce di colore e le immagini di questa terra cosi' bistrattata ritorna dololrosamente attuale, bellissima, brava!!
  • Paolo Venturi il 06/09/2011 00:38
    Sono d'accordo con Fabio, a descritto molto bene quello che pensavo leggendo, questa bellissima poesia, che descrive la calabria, ma con la stessa matrice si potrebbe descrivere tutte le terre, dove la povera gente, il lavoro, l'onestà e le cose vere si scontrano con i parassiti e i violenti. Ci vorrebbe veramente un vento nuovo e uomini e donne d'onore.
    Brava Anna.
  • Anonimo il 05/09/2011 16:50
    Vecchio e nuovo fusi in poesia. Mi mancano, però, le tue poesie passionali. Ciao Anna.
  • karen tognini il 05/09/2011 14:10
    Lirica meravigliosa scritta magistralmente da una penna magica...
    sei molto molto brava!!!
    complimenti Anna...
    Calabria da scoprire...
  • la guerre delaguerre il 05/09/2011 12:19
    Stesura preziosa di un inno alla terra, (come sei fuori moda sig. ra Rossi) dove la rabbia è stemperata dall'orgoglio. E l'orgoglio suona una melodia piena di note senza tempo.
    senza tempo. unico sfondo degno per una Poesia.
  • Don Pompeo Mongiello il 05/09/2011 10:48
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua tanto tanto bella!
  • Fabio Mancini il 04/09/2011 12:36
    Il Potere ha abbandonato alcune aree del nostro Paese perché i grandi affari sono altrove: nelle Camere della capitale e nel Nord industrializzato. Così il Sud è rimasto abbandonato a se stesso, ai suoi problemi cronici, alle promesse illusorie del candidato di turno. Nei Paesi civili la "coscienza" è collettiva, perché i singoli sanno cos'è corretto fare e lo fanno e gli obiettivi della comunità diventano più facili, raggiungibili, si concretizza il famoso "gioco di squadra". Nel posto in cui viviamo il singolo tira l'acqua verso se stesso, ugualmente fanno le piccole e le grandi organizzazioni, compreso lo Stato. Alla fine invece di fare il gioco di squadra, diventa un tutti contro tutti. Un esempio inquietante ed emblematico è la manovra economica, dove ogni giorno sui giornali e sulle TV si dice di tutto ed il contrario di tutto. Continuando così ... non ce la faremo mai! La tua poesia di carattere sociale mi piace, perché mette in evidenza il disagio ed il pregiudizio, mesciando tratti del passato con quelli del presente per raccontare l'Amore e la passione per la tua Terra. L'intento è nobile e puro e andrebbe sostenuto. Un bacio gentile, Fabio.
  • Anonimo il 03/09/2011 10:58
    lirica molto bella... parole sofferte... bellissima la terra di calabria... brava anna...
  • Anonimo il 02/09/2011 23:38
    L'intarsio linguistico rende la tua poesia, al di là dello spessore dei contenuti, un canto di grande fascino e di grande forza immaginifica, bravissima Anna, è meravigliosa
  • Anonimo il 02/09/2011 19:00
    Speriamo che questo vento del riscatto non si faccia attendere oltre! La tua poesia è molto sentita, sia perché anch'io del Sud, sia perché sul Sud si sono dette e scritte tante falsità. La tua analisi sociale e anche sociologica non fa una piega, come si direbbe a Roma.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0