accedi   |   crea nuovo account

Grida

Grida scomposte
innondano il cuore
mani esauste
trainano antiche emozioni
per farti cadere
dentro al vortice del nulla.

Giorni che passano
persone che muoiono
ricordi che svaniscono
grida che non cessano mai.

Orecchi stanchi di stare ad ascoltare
un cuore malato
che non è più capace di amare
una vita breve
che deve ancora cessare.

L'angoscia stasera mi assale
la paura invade le mie membra.
Chi sono?
Cosa faccio?

"Voce di uno che grida nel deserto"
"La luce è venuta
ma le tenebre non l'hanno accolta".

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 12/02/2012 01:42
    solo il silenzio può commentare la bellezza di queste parole...
  • Nicola Lo Conte il 18/01/2012 18:51
    Solo un momento buio che ognuno di noi ha sperimentato...
    tutto passa, il bene e il male...
  • Anonimo il 08/09/2011 23:11
    tutto scorre nella nullità di essere, ma in fondo al cuore si odono vocii che prendono vita in battiti e allontanano la malinconia e le urla dell'anima che di tanto in tanto assillano,
    sarà domani. l'attesa verrà premiata. La tua poesia descrive perfettamente un attimo di sbando. bellissima. ciao Salva.
  • stella luce il 05/09/2011 22:04
    ... tu le hai ascoltate grazie per il tuo passaggio Fabio...
  • Fabio Mancini il 04/09/2011 12:47
    Molte volte anch'io ho detto: "Sono uno che grida nel deserto!" Ma anche camminando nel deserto si trova qualcuno che ascolta le nostre parole. Un bacio gentile, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0