PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sentieri

Come un viandante senza meta
percorro sentieri impervi
lungo il cammino della vita.
Luci lontane mi chiamano a loro
e a tratti scompaiono
confondendo la vista.
Chiudo gli occhi, allora, e continuo a vagare.
Mi fanno da guida i ricordi,
il canto degli uccelli,
il richiamo del sangue
e la forza di un amore puro.
Un flauto magico mi avvisa all'arrivo
nella piazza affollata.
Sorrido al funambolo
che saltella sulla corda ed alza la mano.
Al calar del sole riprendo il cammino
Nuove luci lontane mi chiamano a loro.
Chiudo gli occhi, allora, e continuo a vagare.
Chiudo gli occhi, allora, e continuo a vagare.

 

l'autore LINO LAVORGNA ha riportato queste note sull'opera

Roma, 18/01/2005


1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Fabio il 17/12/2013 01:20
    mi vien da pensare, "non so dove sto andando, ma so che ci sto andando"... certe volte, l'importante è andare, cambiare pagina, non si sa dove, non si sa come, ma l'importante è andare...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0